top of page

Intolleranze alimentari: nella nostra farmacia potrete scovarle

Aggiornamento: 6 feb 2023

Le intolleranze alimentari costituiscono parte di un più vasto gruppo di disturbi definiti dalla medicina come reazioni avverse al cibo: si parla infatti di intolleranza alimentare, piuttosto che di allergia, quando la reazione è dose dipendente, dovuta a liberazione di quantità di istamina che non mettono a rischio la vita, o altresì possono costituire carenze enzimatiche (lattosio) o a tossicità diretta della sostanza sulla mucosa intestinale (glutine).


Quali sono i sintomi delle intolleranze alimentari?


I sintomi da intolleranza alimentare sono estremamente vari e possono colpire diverse parti del corpo: cefalea, dermatite, coliti, diarrea, meteorismo, micosi, stanchezza, insonnia […] i sintomi possono essere tanti e di diversa natura e spesso evocano un malessere difficilmente identificato.


  • Sintomi generali: stanchezza cronica – sonnolenza – ritenzione idrica – aumento della sudorazione – linfoadenopatia tonsillare – obesità;

  • Sistema nervoso: cefalea – emicrania – alterazione dell’equilibrio – ansia – depressione – irritabilità – torpore mentale – scarsa memoria – difficoltà di concentrazione;

  • Apparato cutaneo: orticaria – acne – eczema – dermatiti – psoriasi – cellulite;

  • Apparato gastro-enterico: difficoltà digestive – gonfiore addominale – senso di nausea – dolore e crampi addominali – iperacidità gastrica – gastrite – ulcera gastroduodenale – colite – morbo di Chron – diarrea – stitichezza – flatulenza – eruttazione – aerofagia – emorroidi;

  • Apparato respiratorio: difficoltà respiratoria – asma – tosse – raucedine – eccesso di muco – rino-faringite – sinusite – bronchite ricorrente.

Intolleranze e allergie. Intolleranze e allergie sono due termini sinonimi?


Certamente si tratta di due fenomeni ben distinti. La differenza tra intolleranze e allergie sta nel fatto che mentre per le prime la reazione è strettamente dipendente dalla quantità dell’alimento non tollerato ingerito (dose-dipendente) o prodotta dalla carenza di uno specifico enzima o dagli effetti tossici dell’alimento sulla mucosa intestinale; per le seconde le allergie, invece, è sempre il sistema immunitario a riconoscere come potenzialmente pericolosa una sostanza, indipendentemente dalla quantità. La reazione è mediata dagli anticorpi IgE che inducono effetti, potenzialmente gravi, che possono mettere a rischio la vita del soggetto.


Come diagnosticare e riconoscere le intolleranze


Il paziente potrà eseguire delle analisi specifiche attraverso dei test e degli accertamenti presso i centri di analisi o le farmacie specializzate. Il Food Intolerance Test è una valutazione immunoenzimatica (Test ELISA) della reazione delle IgG a contatto con allergeni alimentari.


Questa metodica computerizzata offre un grado di ripetibilità del 98%, per un numero di alimenti elevato (46, 92, fino a 184). Questo test permette di rilevare gli alimenti a cui si è intolleranti ed è consigliato quale valido supporto diagnostico e terapeutico. Un’ipersensibilità individuale dovuta ad una predisposizione costituzionale, o un eccessivo consumo di determinate sostanze, possono portare la persona ad una condizione di intossicazione, causando disturbi dipendenti da reazioni immunitarie.


La nostra nutrizionista effettuerà un test per le intolleranze alimentari che non prevede alcun prelievo ematico (quindi tutti coloro con la fobia dell'ago, potete stare tranquilli) ed effettua anche il test bioenergetico (ovvero un'analisi dettagliata dello stato energetico di una persona, che si traduce nella sensazione di “benessere” o di “malessere” generale). Non è necessario essere a digiuno o aver seguito diete particolari nei giorni precedenti. Chi desidera effettuare il test può certamente rivolgersi presso la nostra farmacia dove personale qualificato provvederà ad informare e a aiutare i nostri clienti per lo svolgimento delle analisi.

15 visualizzazioni0 commenti

コメント


bottom of page